Biblioteca di un apneista

 


 

 


 

Titolo: Gli assassini del mare

Autore: Ricciuti Edward

Casa editrice:  Mursia (Milano)

Collana: Biblioteca del mare

Anno di pubblicazione: 1978

Edizione posseduta: 1978 (b)

Pagine: 240

Formato: 16,0 x 24,0

Prezzo di copertina: lire 3.000

Traduzione: Gori Luigi

Argomento: Biologia marina

 

Il libro: Per l'uomo di mare, per il bagnante, per il subacqueo e per l'amante della natura, ecco alcune storie e utili cognizioni sulle pericolose creature che si possono trovare nelle acque di tutto il mondo.

Si tratta di una completa indagine scientifica condotta da uno scrittore appassionato subacqueo e di spedizioni oceanografiche che ha nuotato a distanza ravvicinata con le orche marine, che ha scherzato in acqua con i delfini, marcato e catturato squali e ha avuto impressionanti esperienze con barracuda, murene e con razze dalla coda a frusta.

Arricchendo la sua personale esperienza con interviste a decine di biologi marini di rinomanza internazionale, Ricciuti fa una esposizione delle ricerche pi¨ recenti sui predatori di acqua salata e di acqua dolce senza tralasciare di ricordare gli aspetti di leggenda. Egli scrive degli squali e dei loro attacchi, del pesce giapponese incredibilmente velenoso noto come Fugu, della sinistra e crescente migrazione dei serpenti di mare, del minuscolo polpo blu-cerchiato, un vero Borgia del mare, che e' capace di uccidere un uomo in pochi secondi, delle cubomeduse, delle caravelle portoghesi, delle foche leopardo, ecc. Non tralascia neppure i leggendari e preistorici mostri marini forse ancora oggi viventi nelle profonditÓ oceaniche.

 

Indice: Prefazione - Vita e morte in un mondo estraneo - Lo squalo: un terrore antico - Una pesca mista - I pungiglioni del mare - I tossici - I mammiferi di mare - I pericoli dei relitti- Mostri marini: passato e presente.

 


I diritti dei testi e/o delle immagini di questo libro appartengono alla casa editrice e/o all'autore.

 La recensione ha il solo scopo di far conoscere una pubblicazione d'epoca.